LIVE! IL TEATRO DEL RACCONTO

Nell’ambito della ricerca su teatro e letteratura si situano i cicli di “Live! Il teatro del racconto”, reading che la Compagnia Lombardi – Tiezzi organizza da anni, non solo in spazi prettamente teatrali, ma anche in luoghi particolari dotati di spessore storico e simbolico, quali Musei, Sinagoghe, Cortili storici…
Il progetto, offrendo in forma accessibile a tutti uno dei capolavori della letteratura, vuole rispondere a un’esigenza di cultura altra da quella spesso proposta rapida e superficiale, ponendo l’ accento sul teatro come lingua di relazione. A ogni puntata, l’attore viene chiamato ad affrontare l’atto stesso del narrare in un rapporto di immediata vicinanza con gli spettatori.


LE AVVENTURE DI PINOCCHIO
di Carlo Collodi

letto da
Giovanni Guerrieri, Roberto Latini, Sandro Lombardi,
Alessandro Marini, Daniele Marmi, David Riondino

Coinvolgendo più artisti, nell’arco di diversi incontri – rispettando così l’andamento cadenzato con cui uscì l’opera di Carlo Lorenzini – il pubblico sarà accompagnato attraverso le avventure dell’indimenticabile burattino. Otto incontri, quattro weekend nei quali Giovanni Guerrieri, Roberto Latini, Sandro Lombardi, Alessandro Marini, Daniele Marmi, David Riondino si succederanno per raccontare uno dei libri più tradotti al mondo.

LE NOVELLE DELLA NONNA (2019)

Le Novelle della Nonna

lette da David Riondino

Le Fiabe fantastiche di Emma Perodi, più note per il sottotitolo Le novelle della nonna, uscirono per la prima volta nell’Italia postunitaria del 1893. La doppia titolazione (prima fiabe, poi novelle) svela fin da subito la costruzione letteraria sulla quale sono articolati i 45 racconti: entro la cornice realistica dell’operosa Toscana mezzadrile del Casentino, nonna Regina racconta  – a figli, nipoti e nuore, riuniti al focolare – un mondo di sfrenata fantasia popolato da cavalieri, fate, diavoli e santi: la vita umilmente quotidiana della famiglia Marcucci, contadini presso il podere Farneta di Camaldoli, si intreccia con un medioevo fantastico, oscuro e gotico, intriso di religiosità.

LE MILLE E UNA NOTTE (2019)

Le Mille e Una Notte

lette da David Riondino

canti Francesca Breschi

Quattro incontri tra letteratura, musica e recitazione nel Parco Monumentale di Villa Bardini di Firenze. Sarà David Riondino a dare voce all’affascinante intreccio di racconti tratti dalla secolare raccolta delle Mille e una notte. Accompagnato dai canti di Francesca Breschi, Riondino trasporterà il pubblico in un fantastico viaggio tra musica e parole, all’interno della più celebre opera della letteratura araba.

Costituitasi a partire dal X° secolo, la raccolta si incentra sulle figure del re persiano Shahryhar e della principessa Shaharazad, la quale, ogni notte, si ingegna a raccontare una fiaba rimandando però la fine all’indomani per aver salva la vita. Emblema della vittoria del fascino e dell’intelligenza femminili sulla brutalità e prepotenza maschili, questa cornice di origine indo-persiana ha accolto, nei secoli successivi al suo nascere, il meglio della narrativa araba medioevale fiorita alle corti di Baghdad e del Cairo.

Decameron

DECAMERON (2018)

letto da David Riondino

fisarmonica Massimo Signorini

Decameron è un progetto di cinque incontri tra letteratura, musica e performatività dell’attore. David Riondino, accompagnato dalla fisarmonica di Massimo Signorini, si approccia alla narrazione di Boccaccio ‘giocando’ tra parole, musiche di ballate originali e incursioni poetiche. Il luogo e la sua dimensione di incantata separazione dal tumulto della città, esaltando la cornice della raccolta boccaccesca, offrirà agli spettatori anche la suggestione di trovarsi così come si trovavano i protagonisti della fantastica immaginazione dello scrittore, riuniti in un luogo paradisiaco per sfuggire alla peste che stava devastando la città.

La lettura, con brani differenti, è stata realizzata nel 2017 con David Riondino e Anna Meacci

– – –

LETTURE DI MARCEL PROUST
DALLA PARTE DI SWANN


letto da Sandro Lombardi

Poco più di un secolo fa iniziava la pubblicazione del primo volume de À la Recherche du temps perdu – Alla ricerca del tempo perduto, uno dei libri più importanti della letteratura contemporanea. Marcel Proust pubblicò Dalla parte di Swann a sue spese nel novembre 1913 e non sarebbe vissuto tanto a lungo da vedere la propria opera pubblicata interamente. Questa lettura non si propone di essere solo un omaggio al genio letterario di Proust, ma vuole offrire il piacere di risentire o di scoprire attraverso l’interpretazione di Sandro Lombardi alcune delle sue pagine più belle e amate, partendo proprio dal famosissimo incipit “Per molto tempo mi sono coricato presto la sera…”, una dichiarazione immediata di come la Recherche sia un romanzo totalmente fondato sulla memoria, sul passato, sulla nostra coscienza di esistere.

– – – 

LETTURE DI ARTHUR SCHNITZLER
IL RITORNO DI CASANOVA


letto da Sandro Lombardi

L’avventuriero veneziano, ormai giunto a 53 anni, stanco di avventure erotiche e nauseato dal suo passato di diplomatico da strapazzo, ha un solo desiderio: tornare nell’amata Venezia ma, proprio quando sembra che il suo sogno stia per realizzarsi, un vecchio amico lo trascina in una sua casa di campagna nei pressi di Mantova, dove Casanova incontra la giovane Marcolina, che riaccende il suo desiderio. Lo sguardo che la donna gli rivolge, freddo e indifferente, lo getta però nella disperazione: si sente vecchio e ormai incapace di esercitare fascino. L’amaro sapore della sconfitta lo spinge a un estremo quanto folle tentativo: sospettando che la giovane sia in realtà l’amante di un bellimbusto, un certo sottotenente Lorenzi, fa di tutto per scoprire la verità e, avuta conferma ai suoi sospetti, una notte si sostituisce con l’inganno a Lorenzi. Avrà così l’amore desiderato della bella Marcolina attraverso l’inganno ma, dopo un sogno misterioso, al risveglio, la situazione precipita.

Il Ritorno di Casanova, è uno dei capolavori narrativi di Arthur Schnitzler, grande cantore della Vienna spumeggiante e feroce nel declinante Impero asburgico. In questo meraviglioso racconto di del 1918 – ridotto ad opera teatrale attraverso l’artificio di far parlare Casanova in prima persona – si rivela la tragicommedia della coscienza moderna, sganciata dai valori della tradizione, attenta ai propri istinti e ai propri falsi valori, nel tentativo di sfuggire alla vecchiaia e alla morte. Il cuore del testo è quindi un freudiano scontro fra Amore e Morte, segnato dall’angoscia della fine di un’epoca “felice”.

– – – 

IL GIARDINO DEI FINZI CONTINI
di Giorgio Bassani

letto da Luisa Cattaneo, Iaia Forte, Sandro Lombardi, Anna Meacci
 
Dopo le felici esperienze dei reading a puntate di Guerra e pace, nella cornice del Giardino dei Semplici dell’ Orto Botanico; Don Quichotte e Anna Karenina, proposti alla Biblioteca delle Oblate, la Compagnia Lombardi – Tiezzi prosegue il viaggio tra le pagine dei grandi classici, con la proposta della lettura scenica di uno dei romanzi più importanti della nostra cultura: Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani.
Sera dopo sera, un narratore, ripercorrerà, la dolce e malinconica atmosfera dell’opera di Bassani; attraverso una struttura drammaturgica cadenzata in 8 puntate. Ad arricchire il filo della trama, ad ogni puntata, dei musicisti del Conservatorio Cherubini di Firenze faranno da contrappunto alla voce del narratore.